A CENA CON SAAKASHVILI

Misha e la nightlife di Batumi (foto Thomas Dworzak/Magnum)

Misha e la nightlife di Batumi (foto Thomas Dworzak/Magnum)

Incontri ravvicinati con Misha Saakashvili, il grintoso e festaiolo presidente della Georgia. Ore 23 circa di una calda sera d’agosto, Tiflis Palace Hotel nel quartiere Abanotubani, la zona delle terme nel cuore della capitale.

La strada, il marciapiede ed il parcheggio davanti all’entrata sono pattugliati da decine di forze dell’ordine. Impossibile posteggiare l’auto (nel parcheggio del locale accanto, però, sì). Nella hall del locale loschi figuri camminano nervosi, un gruppetto di giornalisti spia i loro movimenti seduti sui divanetti di pelle.  Loro non possono salire: io, malgrado la Canon 450D bene in evidenza completa di cavalletto ed obiettivi vari, vengo lasciata passare senza problemi. Sarà perchè parlo in italiano o perchè sono con un gruppo di scafati ragazzi georgiani che fanno spallucce davanti a tutta questa security.

Stasera il Tiflis Palace, bar-ristorante su tre piani a terrazza, è semivuoto. O meglio: pieno di uomini in giacca e doppiopetto in gruppi di due, tre o quattro persone che fingono di sorseggiare bevande analcoliche e scrutano i veri clienti con aria truce. Davanti al bagno un manipolo di altri colleghi. Quello per i signori non si può usare: se lui decidesse di andarci? Maschi e femmine devono usare, tutti, la toilet per le signore.

Non si può nemmeno fotografare la Tbilisi notturna dalla terrazzona del locale. Ogni passo sospetto è radiografato dagli sguardi solerti degli agenti. In cima al tetto, alcuni colleghi in mimetica e mitra sorvegliano a 360° le vicinanze. E tutto questo perchè lui, Misha Saakashvili in persona, è seduto ad un tavolino con due amici e ride, scherza, beve e chiacchiera.

Polo bianca a righe blu e rosse, aria rilassata, sguardo curioso e qualche occhiatina d’approvazione al passaggio delle belle ragazze. Se non fosse per le decine di agenti che pattugliano e sorvegliano ogni suo movimento, potrebbe sembrare un normale cliente che si gode un buon cognac made in Georgia per chiudere in bellezza una cena con gli amici.

Explore posts in the same categories: Georgia, URSS

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: